• Slide title

    Write your caption here

    Button
  • Slide title

    Write your caption here

    Button
  • Slide title

    Write your caption here

    Button
  • Slide title

    Write your caption here

    Button
  • Slide title

    Write your caption here

    Button

DISTURBI ALIMENTARI

“Meditate bene su questo punto:
le ore più belle della nostra vita sono tutte collegate,
con un legame più o meno tangibili, a un qualche ricordo della tavola”
(Charles Pierre Monselet)

E’ esperienza comune quanto il rapporto con il cibo si arricchisca di significati emotivi che nel nutrimento coinvolgono sfere che vanno oltre l’esperienza corporea. E’ nel cibo che avviene il primo scambio relazionale madre-bambino, poi rinnovato ad ogni banchetto sentimentale che la vita ci mette davanti, ed è nelle cellule dell’intestino che si producono oltre il 90% della serotonina, il neurotrasmettitore del benessere.

La parola stessa “dieta” ha le sue profondi radici nel significato totalizzante di “modi di vivere”.

Ed è in questo scambio profondo tra corpo e psiche una volta alterato,

che si sviluppa il disturbo alimentare.

L’eccessiva preoccupazione per il peso e per il corpo connesse ad una alterazione delle abitudini alimentari sono gli aspetti principale del disturbo alimentare.

Gran parte della vita della persona è dedicato al cibo e alla paura di aumentare il peso corporeo con ricadute nella vita sociale e lavorativa

InCONTRIAMOCI

* Campi obbligatori
Share by: